ambiente s.c.

  • Progetti

    Comune di Scarlino

    PROGETTAZIONE OPERATIVA UNITARIA DELLA BONIFICA DELLE ACQUE DI FALDA DELLA PIANA DI SCARLINO

    Descrizione dell’opera
    Esistono innumerevoli dati stratigrafici, idrogeologici, chimici ed idro chimici della Piana di Scarlino, ma tutt’oggi tali dati sono stati solo parzialmente sistematizzati in modo organico ed esaustivo al fine di poter giungere ad una visione completa ed organica della dinamica del trasporto dei contaminanti nella falda acquifera dai vari punti di vista. Il percorso metodologico studiato da ambiente s.c., finalizzato alla progettazione di un intervento unitario di bonifica della falda, è partito da un lavoro di raccolta, sistematizzazione ed elaborazione della molteplicità dei dati esistenti, finalizzata, in primo luogo, alla ricostruzione dell’assetto idrogeologico ed idrochimico della zona industriale del Casone di Scarlino e della Piana circostante ed alla definizione dell’area-sorgente come fonte di contributo antropico alla contaminazione da metalli pesanti della falda acquifera.
    Il tutto allo scopo finale di giungere ad una proposta di intervento per il risanamento delle acque sotterranee che, a partire dalla zona industriale sia in grado di accelerare la riduzione nel tempo del carico inquinante, così come richiesto nel Piano provinciale di bonifica dei siti inquinati di cui alla Del CP n°17 del 30/03/2006, ma al contempo di garantire la messa in sicurezza dell’area-sorgente inibendone il rischio di impatto verso bersagli sensibili e l’ulteriore rilascio di contaminanti nel tempo.

    Articolazione delle attività
    Il progetto argomenta i contenuti, le metodologie e le scelte progettuali utilizzate e sviluppate finalizzate al risanamento ambientale delle acque di falda nella piana di Scarlino.
    La struttura del presente elaborato è suddivisa nelle seguenti macrosezioni:

    • inquadramento generale dell’area vasta;
    • modellazione idrogeologica;
    • sintesi dello stato qualitativo delle acque della piana di Scarlino;
    • screening di valutazione delle tecnologie impiantistiche esistenti sull’area;
    • progetto di bonifica.

    In sintesi, gli interventi di bonifica del comparto falda acquifera sono stati suddivisi nel modo seguente:
    FASE I: implementazione di un sistema di barrieramento idraulico sulla falda 1, e per la falda 2 mediante la creazione di una rete piezometrica di monitoraggio che sfrutta gli attuali pozzi/piezometri esistenti .
    FASE II: progettazione a seguito di una fase di censimento e ispezione di pozzi uso irriguo e idropotabile presenti sulla Piana, finalizzata all’eventuale futura cementazione pozzi non idonei


  • Progettazione e redazione di studi nel campo delle discipline inerenti gli aspetti geologici e geotecnici. Modelli di dispersione, modelli concettuali geologici e geotecnici, indagini ambientali e analisi dei dati geochimici, Analisi di Rischio igienico sanitarie
    Committente:
    Comune di Scarlino
    Anno inizio-fine
    2011-2012